We others – Mozhde Nourmohammadi
aprile 13, 2016
Polvere sottile – Valentina D’Accardi
aprile 13, 2016
Show all

L’io liquido – Saturno


Artista:

Alessandro Saturno Martinelli

Curatela:

Testo:

Periodo:

Dal 4 maggio al 2 giugno 2013

Alessandro Saturno Martinelli con L’Io liquido ci mostra un percorso di superamento del concetto di Soggetto, attraverso la diluizione dell’Io per una nuova genesi del Corpo. La pittura è linguaggio d’indagine di tale percorso, dove la figura, smarrendo i propri confini resta in bilico tra apparizione e sparizione. L’essere umano per sopravvivere ha bisogno di identificare e distinguere sé stesso e ciò che lo circonda, ma è visione che limita il reale imponendo confini, forme e determinazioni che arginano da sempre un potenziale infinito ed inespresso. Potenziale che Alessandro Saturno Martinelli libera per un istante prima che ritorni a svanire. La materia lavorata dall’artista supera la superficie della tela per diffondersi in tutto lo spazio espositivo, creando un ambiente immersivo dove il colore diventa luogo. Nasce così un percorso dato, in medias res:una passerella che non ha un inizio né una fine accompagna lungo le sale di Adiacenze, come se fosse un passaggio tra le acque. Acque solide costituite da brandelli di tessuto e cenci, frammenti del processo pittorico, residui materici di corpi liquidi racchiusi in frames che non riescono comunque a limitarne il movimento. Si assiste allora alla creazione di una zona tropicale, strada verso la vaghezza, dove tutti i fenomeni scorrono verso l’indistinto, come una cascata, e dove l’artista ci svela una visione altra dell’Io:

“Tu sei questo. Tu sei questo che è quanto di più lontano da te, questo che è ciò che vi è di più informe.” (Lacan)